Psicologia dell’età evolutiva

Nel percorso di crescita di un bambino o di un adolescente possono verificarsi momenti di difficoltà che causano disagio con ripercussioni nelle relazioni sociali, familiari e scolastiche. In alcuni casi, invece, il disagio è legato a situazioni particolari come ad esempio una separazione coniugale difficile, la malattia o la morte di un familiare. In tutte queste circostanze è possibile osservare manifestazioni ansiose (paure, fobie, disturbi del sonno), difficoltà emotive (eccessi di rabbia, atteggiamenti passivi, ritiro sociale), difficoltà relazionali e comportamentali (incapacità di rispettare le regole, mancanza di concentrazione, oppositività ecc).

Il percorso terapeutico aiuta il bambino e l’adolescente a riconoscere i propri vissuti e ad elaborarli, per renderli maggiormente affrontabili. Il risultato di questo lavoro a due (terapeuta e bambino) è l’acquisizione di una maggiore fiducia in se stessi e l’acquisizione di nuove competenze per affrontare le difficoltà incontrate.

Aspetto importante del percorso terapeutico in età evolutiva è il coinvolgimento delle figure genitoriali con cui il terapeuta instaura un rapporto di fiducia e di collaborazione.

Tra i disturbi affrontati troviamo l’ansia scolastica, l’ansia da separazione, il bullismo e la dipendenza da videogiochi.

Per i genitori può inoltre risultare interessante scoprire come affrontare le prime domande sulla sessualità che vengono poste dai figli.

Il Centro Anassagora e il Centro ABaCo collaborano, presso la stessa sede di via Pordenone, 13 a Milano, con i propri specialisti, mettendo a disposizione una equipe completa, in grado di prendere in carico bambini, ragazzi e le loro famiglie.

Psicoterapeuti dell’età evolutiva

Milano: Loredana Tallarico

Milano: Anais de Santis

Commenti chiusi